codice caravaggio

Codice_Caravaggio

In un futuro non molto lontano, in un’Europa dove la convivenza multietnica è sempre più difficile, in un mondo in cui l’estremismo islamico si sta rafforzando e medita sull’istituzione di un nuovo grande impero, il successore di Benedetto XVI muore prematuramente e inaspettatamente: è tempo di conclave. Tutti i cardinali elettori si radunano a Roma e si preparano ed eleggere il nuovo Papa sotto la guida del camerlengo, il cardinale Lamberto Bosani.
In un passato lontano, l’Italia dei primi del Seicento, il pittore Michelangelo Merisi, noto come “Caravaggio”, cerca successo e fama nella Città eterna. Il suo carattere irruento, ma schietto e onesto, le sue abitudini libertine, le sue idee artistiche e teologiche finiscono per scontrarsi con la gerarchia ecclesiastica del suo tempo. Già tormentato da fantasmi personali dopo aver assistito all’ingiusta esecuzione capitale  dell’intera famiglia Cenci -i cui membri non sono giustiziati per reati reali ma per intrighi politici- si trova a difendere la propria visione personale sull’arte e sulla fede di fronte ai bigotti committenti dell’epoca. Accusato di blasfemia, viene convocato da monsignor Petrucci, il camerlengo. Stanco di aspettare il suo turno di ricevimento, comincia a curiosare tra le stanze della residenza cardinalizia e assiste ad un evento che segnerà la sua intera esistenza: da questo momento in poi vivrà nel tormento di un complotto, nell’angoscia di essere scoperto testimone e ucciso; una montatura sarà organizzata ai suoi danni e lui sarà costretto a nascondersi presso influenti mecenati, spostandosi continuamente.
La  rivelazione di una verità tenuta nascosta quattrocento anni è la chiave del presente. Il superiore generale dei gesuiti, Declan O’Malley, si trova a Roma in occasione del conclave. Qui coglie l’occasione per incontrare il nipote, Peter Dempsey, ex soldato e attuale storico. I due si riavvicinano dopo molti anni e insieme, incuriositi dall’improvvisa morte di uno dei più giovani cardinali elettori, portano alla luce un’intricatissima ragnatela, tessuta dalle più alte cariche vaticane.

Pro:
– trama accattivante
– ritmo incalzante
– colpi di scena
– ambientazione curata

Contro:
– finale eccessivamente “action”

Incipit:
La morte era attesa, tuttavia il mondo pianse. Il 266° successore di san Pietro morì serenamente durante il sonno nelle prime ore di un lunedì mattina di giugno. Nei suoi ultimi giorni, sostenuto dai cuscini, incapace di salutare la folla dal suo balcone, si era lamentato del fatto di aver lasciato così tanto ancora da fare.

Walter Ellis, Codice Caravaggio

Annunci

2 pensieri su “codice caravaggio

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...