Ricordi

L’angelo scese come ogni sera
ad insegnarmi una nuova preghiera.
Poi d’improvviso mi sciolse le mani
e le mie braccia divennero al
i.
Quando mi chiese conosci l’estate,
io per un giorno per un momento
corsi a vedere il colore del vento.
Volammo davvero sopra le case.
oltre i cancelli, gli orti, le case.
[…]
E lui parlò come quando si prega
ed alla fine di ogni preghiera
contava una vertebra della mia schiena.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...