Io sono leggenda

Image Hosted by ImageShack.usNew York, 2009.
Si diffonde sulla Terra un virus, modificazione genetica della sperimentazione in corso per trovare una cura al cancro. Il novantacinque percento della popolazione mondiale viene infettato e muore, del restante cinque percento solo l’uno è immune, i rimanenti si sono mutati in esseri violenti che la notte danno la caccia ai superstiti.
New York, 2012.
Il dottor Robert Neville è l’unico superstite sano della città, a parte la sua compagna Sam, il pastore tedesco della figlia. Nonostante la desolazione della città Neville continua a sperimentare una cura al virus nel laboratorio che si è costruito dentro casa, sforzandosi di mantenere una routine regolare: la colazione di fronte ai notiziari tv, ovviamente registrati; la visita alla videoteca; il passaggio al porto, dove spera di incontrare, a mezzogiorno, qualcuno che abbia raccolto il suo messaggio inviato nell’etere. Un giorno qualcosa interrompe la regolare quotidianità che il dottore si è creato: una cavia infetta sembra reagire positivamente alle cure. Non resta che trovare un soggetto umano su cui sperimentare.

“Mi chiamo Robert Neville, sono un sopravvissuto che vive a New York. Sto trasmettendo su tutte le frequenze in onde medie. Sarò al porto di South Street tutti i giorni a mezzogiorno, quando il sole è più alto nel cielo. Se ci siete, se c’è qualcuno da qualche parte, posso offrire cibo, posso offrire riparo, posso offrire protezione. Se c’è qualcuno, chiunque sia, ti prego, non sei solo”.  

“(Bob Marley) aveva un idea tutta sua: un’idea che potremmo quasi definire da virologo. Lui pensava che si potessero curare il razzismo e l’odio, letteralmente curare tramite delle iniezioni di musica e amore nella vita delle persone. Un giorno doveva suonare a una manifestazione per la pace. Degli uomini sono andati a casa sua e gli hanno sparato addosso. Due giorni dopo lui è salito sul quel palco, e ha cantato. Qualcuno gli ha chiesto perchè, e lui ha detto: “Perchè le persone che cercano di far diventare peggiore questo giorno non si concedono un giorno libero. Come potrei farlo io?”

ILLUMINA L’ OSCURITA’!

Il film è tratto dal romanzo, scritto nel 1954, Io sono leggenda di Richard Matheson.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...